Il bonus giovani e donne 2016, è un’ottima possibilità per chi intende mettersi in proprio e creare una micro e piccola impresa, avvalendosi di agevolazioni statali ad hoc che consentono di aprire nuove imprese a tasso zero. Tali agevolazioni, non sono che altro che un aggiornamento 2016 della misura sull’Autoimprenditorialità introdotta dal Dl 185/2000 che ora viene estesa a tutti i residenti in Italia e non più solo nelle zone svantaggiate, alle donne di qualsiasi età e non solo ai giovani under 35, non più contributi a fondo perduto ma mutui a tasso zero per investimenti fino a 1,5 milioni di euro per ciascuna impresa, possibilità di partecipare al bando anche per le imprese già costituite da meno di 1 anno o ancora da costituire.

Vediamo quindi cos’è e come funziona il bonus giovani e donne 2016, da quando è possibile presentare la domanda a Invitalia per accedere alle agevolazioni di mutuo agevolato a tasso zero, quali documenti servono e in cosa consistono gli incentivi e la loro durata.

Bonus giovani e donne 2016 cos’è e come funziona?

Cos’è il bonus giovani e donne 2016? E’ un’agevolazione che consente a giovani under 35 e alle donne di ogni età di poter accedere ad un pacchetto incentivi, qualora intendano aprire una micro e piccola impresa. Tali incentivi possono rappresentare, pertanto, un’occasione da non perdere, perché consentono di ottenere un mutuo agevolato a tasso zero dalla durata massima di 8 anni che può arrivare a coprire fino al 75% delle spese totali.

Come funziona il bonus? Chiunque sia in possesso dei requisiti richiesti e voglia mettersi in proprio, ed accedere agli incentivi, deve presentare per via telematica l’apposita domanda a Invitalia a partire dal 13 gennaio 2016 secondo le modalità, i termini, i  moduli approvati e fissati dal MISE con la circolare del 9 ottobre 2015 per gli incentivi autoimprenditorialità 2016.

Le richieste inviate online, saranno poi vetrificate e valutate in ordine di presentazione.

A chi spettano gli incentivi 2016 nuova impresa? Requisiti:

Gli incentivi 2016 per chi apre una nuova impresa, micro o piccola, sono riservati e per cui spettano solo a:

Giovani tra i 18 e i 35 anni e Donne di qualsiasi età, residenti in qualsiasi Regione d’Italia. Altro requisito importante per accedere al bonus, è che l’impresa al momento della domanda, non devono essere costituita in forma di società da non più di 12 mesi.

Inoltre possono richiedere i finanziamenti anche le persone fisiche, a patto però che in caso di ammissione al beneficio, costituiscano la società entro 45 giorni dall’accettazione della domanda.

Mutuo a tasso zero 2016? Settori agevolabili e spese ammissibili:

I settori agevolabili con il bonus giovani e donne, e quindi le società che possono presentare la domanda mutuo a tasso zero 2016 sono le imprese che si occupano o si occuperanno di:

  • Produzione di beni nel settore industria, artigianato e trasformazione dei prodotti agricoli;
  • Fornitura di servizi alle imprese e alle persone;
  • Commercio di beni e servizi;
  • Turismo.

Altresì possono essere ammesse anche le imprese che si occupano delle seguenti attività:

Attività di valorizzazione e fruizione del patrimonio culturale, ambientale e paesaggistico, e miglioramento dei servizi di ricettività e accoglienza turistica-culturale;

Innovazione sociale, come ad esempio la produzione di beni e fornitura di servizi che creano nuove relazioni sociali o soddisfano nuovi bisogni sociali.

Spese ammesse agli incentivi autoimprenditorialità Invitalia: le Spese ammissibili con il bonus giovani e donne sono:

Produzione di beni industria e artigianato e per la trasformazione di prodotti agricoli: terreno 10%; Opere murarie: costruzione, acquisto e ristrutturazione 40%; Impianti e macchinari nessun limite; Brevetti e marchi 20%; Servizi ICT 20%; Formazione e consulenze: 5%.

Servizi alle imprese, servizi alle persone e Commercio di beni e servizi: Opere murarie: acquisto e ristrutturazione 40%; Spese impianti e macchinari nessun limite; brevetti e marchi e servizi ICT 20%; Formazione e consulenze 5%.

Turismo – Filiera turistico culturale: opere murarie acquisto e ristrutturazione 70%; spese impianti Nessun limite; brevetti marchi e ICT al 20%; Formazione e consulenze spesa 5%.

Modulo domanda Invitalia 2016 come e da quando?

La domanda Invitalia bonus giovani e donne 2016, può essere presentata dagli interessati a partire dal 13 gennaio 2016 alle ore 12.00 esclusivamente per via telematica utilizzando la piattaforma Invitalia.

I moduli domanda fac simile e gli allegati da compilare, sono scaricabili gratuitamente al seguente indirizzo: moduli domanda Invitalia. Tale modulistica, è distinta per le società già costituite in:

  • Fac-simile della domanda;
  • Allegato 1 – Piano d’impresa;
  • Allegato 2 – Curriculum dei richiedenti;
  • Allegato 3 – Dichiarazione riepilogativa;
  • Allegato 4 – Dichiarazione carichi pendenti;
  • Allegato 5a – Dichiarazione antimafia società;
  • Allegato 5b – Dichiarazione antimafia cooperative;
  • Allegato 5c – Dichiarazione familiari conviventi;
  • Allegato 6 – Dichiarazione antiriciclaggio;

Società non ancora costituita:

  • Fac-simile della domanda,
  • Allegato 1 – Piano d’impresa,
  • Allegato 2 – Curriculum dei richiedenti,
  • Allegato 7 – Dichiarazione di conformità alla documentazione originali.

Una volta inviata la documentazione richiesta, le domande vengono verificare in base all’ordine cronologico di presentazione e poi valutate entro 60 giorni dall’invio. La valutazione comprende anche un colloquio con Invitalia.

Hai bisogno di aiuto per richiedere il tuo bonus?


Potrebbe interessarti anche:

Lascia un commento